Mastoplastica

Intervento di mastoplasticaLa mastoplastica è uno degli interventi dichirurgia plastica più diffusi in generale, ed anche il primo che, a molte persone, viene in mente quando si pensa alla chirurgia estetica.

Non sempre però la mastoplastica viene effettuata per fini meramente estetici, ossia quello di ottenere un seno più piacevole: in caso di asportazione della mammella a seguito di un cancro, questa viene ricostruita chirurgicamente e resa pari all’altra; questo tipo di mastoplastica, viene eseguito negli ospedali pubblici ed è interamente a carico del Servizio Sanitario Nazionale, proprio perché non ha la funzione di migliorare il seno di una donna, ma quello di ripristinarlo a seguito di un evento traumatico.

Nei casi in cui, invece, il seno viene operato chirurgicamente solo per motivazioni estetiche, spesso dettate da insucirezza ed altri problemi psicologici, esso può essere ridotto, aumentato o modellato: nel primi due casi parliamo di mastoplastica additiva e mastoplastica riduttiva.

Mastoplastica additiva

Quando una donna ha poco seno, spesso sente l’esigenza di ricorrere alla mastoplastica per sentirsi meglio con sé stessa e con gli altri, per poter indossare un costume da bagno senza problemi e per non dover ricorrere ad artifici come il reggiseno imbottito; questo tipo di intervento è all’ordine del giorno e prevede l’inserimento di protesi al silicone all’interno delle mammelle, mediante un’incisione praticata, nella stragrande maggioranza dei casi, intorno all’areola.

Mastoplastica riduttiva

Parliamo, al contrario, di mastoplastica riduttiva, quando per via un un seno troppo ingombrante molte donne sentono l’esigenza di ridurre il proprio seno, perdendo qualche taglia; questa operazione, quando il seno è particolarmente grande, ha anche benefici sulla corretta postura ed il carico distribuito sulla schiena, la quale, in caso di seno troppo sviluppato ,viene sollecitata spesso in posizione eretta.